Consigli per la realizzazione di un video clip per artisti emergenti, low budget.

La realizzazione di un videoclip per un nuovo progetto discografico è un passo importante da fare per un artista emergente, e inoltre il videoclip è uno strumento fondamentale per una corretta strategia promozionale per  l’uscita di un singolo o di un nuovo album.

Sul satellite e sul digitale terrestre esistono numerosi canali come Mtv, Deejay Tv, Video Italia, Rtl, Rock Tv, Hip Hop Tv, I Love Music, Music Box, Mathc Music e numerosi altri canali di musica anni 70/80/90 oppure canali di solo successi del passato (Mtv ne ha numerosi )… e cosi via.

E’ purtroppo molto difficile riuscire a entrare con un video nella programmazione di questi canali, soprattutto per nuovi artisti o artisti emergenti. Questo per il solito motivo di poca attenzione alle nuove realtà della  musica in Italia, e anche un poco di ottusità e poca lungimiranza dei responsabili della programmazione.

Oggi per fortuna nell’era di internet in generale ed in particolare del Web 2.0, un video fortunatamente può avere la possibilità di essere inserito con maggiore facilità nei molto numerosi siti e social network che si occupano di musica.

Il più famoso e il più grande del mondo è certamente YouTube, piattaforma internet del web 2.0 e rivoluzione assoluta in termine di circolazione di contenuti video, di proprietà del famoso motore di ricerca Google.

Una volta che avrete inserito il vostro video su YouTube sarà possibile successivamente aggiungerlo in tutti quei siti (Facebook, MySpace… il mio BancaMusica e tantissimi altri), che hanno questa possibilità, utilizzando il sistema del link da copiare.

Questo tipo di attività potrete farla in quella mezzora al giorno  in cui dovrete lavorare per la vostra autopromozione su internet.

Esistono  poi anche numerose Web Tv,   cercatele con Google, e dove i video degli artisti emergenti hanno una possibilità di essere programmati, cercatele e selezionatele con attenzione, o comunque consultatevi e fatevi guidare dal vostro promoter (auspicabile averne uno) che si occupa del vostro disco.

Prima dell’avvento del Web 2.0 il videoclip era realizzato esclusivamente per avere accesso alla programmazione di poche TV, ed il costo spesso non era commisurato con il risultato promozionale ottenuto.

Pensate che negli anni passati si potevano spendere decine di milioni (delle vecchie lire) per realizzare un videoclip, ma nessuno poteva sapere se il video sarebbe stato inserito in programmazione su Mtv o su All Music ed altre più piccole televisioni, nemmeno una potente casa discografica multinazionale era certa che il video fosse messo in onda.

Bisognava passare per le potentissime e spesso arroganti direzioni artistiche delle Tv musicali, per poi molto spesso scoprire che non lo avrebbero programmato adducendo scuse del tipo “video non adatto, target dell’artista sbagliato rispetto al canale, video bello ma la canzone non piace etc. etc. … “.

Arrivati a questo punto purtroppo non essendoci altre valide alternative se non alcune tv locali musicali, i soldi spesi ed il video erano diventati completamente inutili, ed il video inutilizzabile ai fini promozionali.

Oggi per fortuna gli spazi su internet ci sono e possono dare una grande visibilità, quindi dovrete progettare di realizzare un video concepito proprio per essere utilizzato soprattutto sul web.

L’ho già affermato molte volte e ve lo ripeto, con  fantasia e creatività, e con l’aiuto degli amici si può realizzare un buon video autoprodotto.

Che cosa serve per farlo?

Un gruppo di amici e due o tre videocamere di ultima generazione che sono presenti in tutte le case, oggi ne esistono digitali e magari anche in formato Hd, addirittura i telefonini o smartphone di ultima generazione.

Tutto può essere anche un grande gioco creativo…

Fatevi uno storyboard del video, scritto, disegnato come un fumetto, a riquadri… come volete.

Poi ancora  cercate una giusta location, all’aperto con una bella luminosità (ideale il sole all’alba e in quelle ore che precedono il tramonto) e uno “stereo” come quelli di qualche tempo fa per il playback, oppure un IPod  o un telefonino e delle casse amplificate, o ancora un piccolo impianto audio.

Poi anche strumenti musicali, costumi, cambi d’abito, oggetti d’arredo, manichini, maschere, candele, moto, auto, biciclette, barche, e magari un’amica che sa truccare…

Fate attenzione a evitate la luce artificiale, perché è molto difficile ottenere un buon risultato, a meno che non abbiate un amico esperto che sappia posizionare fari e luci  giuste in un modo giusto.

Girate diverse volte la vostra canzone utilizzando tutte e tre le camere, da diverse prospettive, con gli strumenti se siete una band o avete la band.

Girate tutte le altre immagini che desiderate, senza dimenticare di fare una ripresa o due di tutta la canzone con un primo piano o un piano americano del cantante, e al termine riversate il girato sul vostro Pc o Mac.

Utilizzate per il montaggio uno dei tanti programmi di video editing che ormai sono alla portata di tutti, e molti sono anche freeware (gratis) su internet.

Inserite per primo l’audio del vostro brano, tagliate e montate le migliori immagini a vostro gusto. Provate e riprovate finche non sarete soddisfatti del risultato finale … e il gioco è fatto, avrete un bel videoclip da inserire su internet.

Se poi per vostra fortuna avete a disposizione un piccolo budget affidatevi senza dubbio alcuno a dei professionisti, i costi per la realizzazione di un videoclip, o solo per il montaggio delle immagini che avete girato, possono essere più bassi di quello che pensate. Oggi il lavoro dei videoclip musicali professionali e scarsissimo, e molti professionisti fanno piccoli lavori  in economia.

Io durante il mio lavoro in questi anni, in alcuni casi, ho adottato una tecnica che funziona:

Con alcuni artisti con i quali ho lavorato avevamo terminato il budget promozionale ma desideravamo comunque produrre il video di un nuovo singolo. Si è deciso quindi di realizzare un video dal vivo, cioè un videoclip con la band su un palco durante uno dei concerti del tour estivo, scegliendo la location più adatta.

Ecco com’era realizzato:

Alla fine del sound-ceck, con il playback del brano abbiamo realizzato due o tre riprese del brano per intero, utilizzando tre videocamere in contemporanea e sfruttando le luci dello spettacolo dal vivo. Una videocamera riprende esclusivamente la band e l’artista solo sul palco e di fronte al palco, mentre le altre due videocamere riprendono i musicisti e vari dettagli.

Durante il concerto vero e proprio, con la presenza del pubblico, le telecamere hanno ripreso diverse immagini del pubblico e del palco visto da lontano o da prospettive diverse, oppure delle riprese del pubblico visto da sopra il palco.

Poi al termine del lavoro abbiamo montato in post produzione le immagini riprese durante il sound-ceck e aggiunto le riprese con il pubblico e tutti i particolari.

Vi garantisco che il risultato al termine del montaggio è stato quello di un videoclip live straordinario e con una spesa totale di non più di 2.o00,00 € (ma si può spendere oggi anche molto meno), e il video ha svolto bene la sua funzione promozionale, sia in Tv sia su internet.

Una raccomandazione: se per caso volete provare anche voi a fare un video realizzato in questo modo, magari in uno dei vostri concerti, durante le prime riprese utilizzate gli stessi abiti che utilizzerete durante il concerto e fate molta attenzione all’uso delle luci, spesso i video girati con luci artificiali all’interno di un locale risultano molto bui.

Ora una raccomandazione importante:

Spesso mi capita di vedere alcuni video di artisti emergenti realizzati in alcuni concerti nei club o all’aperto e inseriti su YouTube, (video inseriti non dai fan, ma dagli artisti stessi) e dove la band o l’artista si vede molto male, e si ascolta un audio anche peggiore delle immagini.

Inserire in rete video di questo tipo (su YouTube abbondano), tanto per farsi vedere, non serve  a nulla, anzi fornisce un’immagine prettamente dilettantistica di un artista, e produce solo danni al vostro lavoro e ai vostri obiettivi futuri.

Poi un capitolo a parte su quei video con foto e immagini fisse o collage di foto animate… a me  non piacciono… non servono a nulla promozionalmente… anzi fanno l’effetto contrario.

Vi domanderete perchè ne vedete anche di artisti importanti. I discografici li tollerano perchè essendo i proprietari dell’opera guadagnano anche dalle visualizzazioni di quei brani… 100 visualizzazioni per 100 video fa 1o.000… e cosi via. Ma nulla hanno a che fare con la promozione.

Promozionale è un video creativo… ben fatto… originale… anche con pochi mezzi.

Quindi attenti a quello che mettete su YouTube, e anche a quello che mettono i vostri amici o fans, se non rispondono a caratteristiche  di qualità toglieteli, o chiedete a loro di toglierli.

I vostri video sono la vostra immagine di artista.

Un’immagine scarsa , scaciata, buia e triste respingerà chiunque possa essere interessato alla vostra musica.



Categorie:Spettacolo

Tag:, , , , , ,

7 replies

  1. Mamma mia che brutta questione. Da poco mia figlia ha firmato proprio questo tipo di contratto. Spero vivamente che non succeda nulla e che non vada avanti. Ma se per caso, dopo aver firmato, ci si ritira, cosa può succedere?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: